BOLDI MASSIMO (Luino [VA], 23.7.1945)

(attore)

E’ il campione d’incassi per eccellenza delle commedie natalizie di Vanzina e Parenti, funziona in coppia col più sofisticato (…) Christian De Sica, un po’ meno quando è (raramente) protagonista assoluto. Dei comici italiani maggiori è quello che sa scatenarsi meglio con i registri bassi, tanto da essere un campione delle situazioni scatologiche: ne Il ragazzo di campagna era il cugino “scorreggione” di Pozzetto, in Sognando la California è alle prese con fagioli americani particolarmente focosi, in Vacanze di Natale ’95 scia sul cesso. E’ un Paganini della volgarità (vedere per credere il suo Antonio Servilio di S.P.Q.R – 2000 e ½ anni fa), cosa che fa inorridire quei critici che vorrebbero vedere la sua bravura inserita in un film drammatico: dai e dai se n’è convinto anche lui ed è stato affossato dall’imbalsamato Avati di Festival. Anche perché la sua comicità demenziale e sovrattono ha bisogno di un interlocutore forte con cui giocare di rimessa: non lo era la stinta diva tv Claudia Koll in Cucciolo, mentre lo era la stangona cavernicola Eva Grimaldi in Mia moglie è una bestia. Nei primi anni era stato una spalla portentosa di Renato Pozzetto (con il quale aveva condiviso i successi del Derby), di cui sapeva assecondare le gag strampalate: indimenticabili l’esordio in Di che segno sei? (dove duellava in bicicletta con l’amico operaio), il cameriere incapace di Io tigri, tu tigri, egli tigra («Tagliatelle fatte in casa con sugo fatto fuori»), il soldato più surreale di Sturmtruppen. Dopo la grande prestazione ne Il…Belpaese (era il nipote drogato di Villaggio), i suoi personaggi divennero più costruiti su una querula perfidia provinciale che lo rendeva un’ideale anima nera di Pozzetto, vittima dei suoi pettegolezzi in Tre tigri contro tre tigri e Nessuno è perfetto (qui era soprannominato Lingua profonda). Una volta raggiunta la conoscenza completa dei tempi cinematografici, è diventato un comico imbattibile e ha rubato la scena ai colleghi anche quando i suoi personaggi erano più marginali come ne I due carabinieri (l’imbranato agente succube dei genitori), Il tenente dei carabinieri (dov’era il milanese Nautico) e I pompieri, forse la sua prova migliore nei panni di Max Pirovano, uno scatenato, scalcinato reporter televisivo con fratello al seguito.       

FILMOGRAFIA

1975 Di che segno sei?; Due cuori una cappella; Luna di miele in tre; Il padrone e l’operaio

1976 Come ti rapisco il pupo; Sturmtruppen

1977 Il…Belpaese; Tre tigri contro tre tigri

1978 Io tigro, tu tigri, egli tigra; Saxofone

1980 Sono fotogenico; Prestami tua moglie

1981 L’esercito più pazzo del mondo; Nessuno è perfetto; Fracchia la belva umana;

1982 Eccezzziunale…veramente; Strurmtruppen 2 – Tutti al fronte; Si ringrazia la regione Puglia per averci fornito i milanesi

1984 I due carabinieri; Il ragazzo di campagna

1985 I pompieri

1986 Il tenente dei carabinieri; Scuola di ladri; Yuppies – I giovani di successo; Grandi magazzini; Yuppies 2

1987 Missione eroica – I pompieri 2; Montecarlo Gran Casinò; Scuola di ladri parte seconda

1988 Mia moglie è una bestia

1989 Fratelli d’Italia

1990 Vacanze di Natale ’90; Occhio alla perestrojka

1991 Vacanze di Natale ’91

1992 Anni ’90; Sognando la California

1993 Anni ’90 – Parte II

1994 SPQR – 2000 e ½ anni fa

1995 Vacanze di Natale ‘95

1996 Festival; A spasso nel tempo

1997 A spasso nel tempo – L’avventura continua

1998 Cucciolo; Paparazzi

1999 Tifosi; Vacanze di Natale 2000

2000 Bodyguards – Guardie del corpo

2001 Merry Christmas

2002 Natale sul Nilo

2003 Natale in India

2004 Christmas in love

 

  (Andrea Pergolari)

 

 

Ti è piaciuta questa scheda? Acquista on line il "Dizionario dei protagonisti del cinema comico e della commedia italiana"!!! e comunque, consulta le altre schede!!!


  torna all'home page