BREGA MARIO (Roma, 5.3.1931 – ivi, 23.7.1994)

(attore)

E’ stato lanciato da Dino Risi ne La marcia su Roma: è l’erculeo Marcacci, detto mitraglia, fascista dallo sguardo truce, bestiale e persecutorio, condannato nel finale ad una morte liberatoria. La commedia all’italiana sapeva già come usare Brega (ancora Risi ne fece un organizzatore di pugilato ne I mostri, Salce un violento tifoso romanista ne Le ore dell’amore), prima ancora che Verdone, ripescandolo dai western di Leone, Corbucci e Valerii, ne facesse un’icona di romanità coatta con la barbaccia lunga e la voce surriscaldata: indimenticabili il padre comunista del figlio dei fiori in Un sacco bello e il volgarissimo “Principe” di Bianco, rosso e verdone. Notevoli anche i suoi personaggi burini nei film dei fratelli Vanzina.

 

FILMOGRAFIA

1962 Diciottenni al sole; La marcia su Roma; I motorizzati; La parmigiana

1963 I mostri (ep. La nobile arte); Le ore dell’amore; Se permettete parliamo di donne

1964 Uno strano tipo; Due mafiosi nel Far West

1968 Tenderly

1969 Il divorzio

1971 Cose di Cosa Nostra

1972 Le mille e una notte e un’altra ancora…; Quant’è bella la Bernarda tutta nera e tutta calda; Decameron 2 - le altre novelle del Boccaccio

1974 Anche gli angeli tirano di destro

1975 Basta con la guerra, facciamo l’amore; Due cuori una cappella

1977 Il gatto

1979 Il giocattolo

1980 Un sacco bello

1981 Bianco, rosso e verdone; Una vacanza del cactus

1982 Borotalco; Pierino la peste alla riscossa

1983 Occhio, malocchio, prezzemolo e finocchio (ep. Il mago); Vacanze di Natale

1984 Amarsi un po’

1986 Troppo forte

1987 Montecarlo Gran Casinò

 

 (Andrea Pergolari)

 

 

Ti è piaciuta questa scheda? Acquista on line il "Dizionario dei protagonisti del cinema comico e della commedia italiana"!!! e comunque, consulta le altre schede!!!


  torna all'home page