Goblin. La musica, la paura, il fenomeno
di Giovanni Aloisio, edizioni Un Mondo a Parte
 

Interverranno
l'autore Giovanni Aloisio e i Goblin: Massimo Morante, Fabio Pignatelli, Agostino Marangolo
moderatore: Loris Curci
Ore 21.00:
Proiezione di Tenebre di Dario Argento

Nell'anno del trentesimo anniversario di Profondo Rosso, la cui colonna sonora rese il gruppo celebre in tutto il mondo, e in contemporanea con l'uscita del nuovo, attesissimo album, Un Mondo a Parte pubblica la prima monografia ufficiale realizzata in Italia sui Goblin, una band di culto che ha lasciato un segno profondo nell'immaginario di più di una generazione di spettatori, musicando alcuni dei più celebri horror e thriller italiani negli anni settanta e ottanta.
Il volume, curato da Giovanni Aloisio, propone un viaggio suggestivo nella storia e nella carriera del gruppo, dagli esordi in sordina, con il gruppo Oliver prima e Cherry five dopo, fino all'affermazione definitiva nel 1975 con la musica di Profondo Rosso: grazie al sodalizio artistico con Dario Argento la metamorfosi è completata e i Goblin, quattro ragazzi poco più che ventenni, scalano le vette delle classifiche di vendita internazionali. Partendo dal rock progressive, passando per la musica classica, fino alla sperimentazione elettronica, la band alternerà capolavori a fiaschi, litigi a rappacificazioni, scioglimenti a riunioni, riuscendo comunque a dar vita a un fenomeno musicale che in Italia ha pochi precedenti.

 Mercoledì 6 luglio alle ore 19.00, presso la Sala Trevi di Roma (Vicolo del Puttarello, 25) il libro verrà presentato al pubblico dall'autore, Giovanni Aloisio, dal giornalista Loris Curci e da tre componenti storici del gruppo, Massimo Morante (chitarra), Agostino Marangolo (batteria), Fabio Pignatelli (basso): un'occasione straordinaria, nata all'interno della XXVa edizione del Fantafestival, per ascoltare dalla voce dei protagonisti gli aneddoti, le storie e le svolte di una carriera ormai trentennale.
Durante l'incontro verranno inoltre proiettate e commentate da loro stessi alcune sequenze tratte da tre gioielli della storia del cinema dell'orrore, in cui la colonna sonora dei Goblin ha giocato un ruolo determinante nel creare un'atmosfera di tensione difficilmente eguagliabile: Profondo Rosso, Suspiria e Zombie di Romero. L'ingresso alla presentazione è gratuito.
A seguire, alle ore 21.00, verrà invece proiettato integralmente Tenebre (1983), uno degli esiti maggiori della loro collaborazione con Argento, ma anche una delle opere proposte più raramente, da riscoprire in pellicola sul grande schermo senza i tagli apportati nelle versioni televisive. Ingresso alla proiezione: intero euro 4,00, ridotto euro 3,00

 

Giovanni Aloisio è nato a Bari nel 1962. Musicista, session-man, dopo la laurea si è dedicato al giornalismo, in qualità di critico, ed è stato direttore del quindicinale Vivilacittà. Attualmente dirige un'importante biblioteca multimediale in provincia di Bari. Il suo primo romanzo horror Quattro passi verso l'ignoto (Bastogi - 2003), è stato positivamente accolto dalla critica per la sua originalità. Dal suo racconto inedito, Nella pancia del mostro, sarà tratto un film.

 

[29 giugno 2005]