DE FILIPPO EDUARDO (Napoli, 24.5.1900 – Roma, 31.10.1984)

(attore, regista, sceneggiatore)

Il suo rapporto con il cinema è stato soprattutto commerciale: un mezzo per la divulgazione delle sue opere teatrali. Figlio di Eduardo Scarpetta, cominciò a recitare bambino e già negli anni ’30 aveva costituito una compagnia con i fratelli Peppino e Titina. Il suo percorso di commediografo inizia sulle tracce paterne della farsa dialettale (Cantata dei giorni pari) per evolvere poi, grazie all’influenza di Pirandello e Bontempelli e dopo il distacco dal fratello Peppino (1945), in una moderna commedia esistenziale che scava nel rapporto fra i personaggi e la società grazie al paradosso e alla satira, rivelando una fantasia amara e talvolta patetica (Cantata dei giorni dispari). Nel cinema ha esordito, accanto a Peppino, agli inizi del sonoro, non riuscendo a distaccarsi, pur in una recitazione asciutta e scarna (agevolato in questo dal volto scavato e gli occhi lucidi d’un’intelligenza quasi folle), dagli schemi teatrali: una straripante verbosità e il sospetto della meccanicità nei perfetti congegni paradossali degli intrecci; difetti presenti anche nei primi tentativi di regia. In quest’epoca i risultati migliori sono quelli di Il cappello a tre punte, Non ti pago! e Non ti muovo!, grazie a registi come Camerini, Bragaglia e Simonelli che riescono a dare ritmo alla recitazione, amalgamandola in un coro sapiente di caratteristi. Nel secondo dopoguerra si dedica alla trasposizione delle sue commedie maggiori con risultati felici laddove la rappresentazione è puntuale (Napoli milionaria, Filumena Marturano), impropri quando appaiono evidenti gli errori di cast (Rascel protagonista di Questi fantasmi) e messinscena (Spara forte, più forte…non capisco, recuperabile in ottica trash). In questi anni la maturità dell’autore è cresciuta parallelamente a quella dell’attore, ora diventato capace di raggiungere una forza espressiva impressionante con una sobrietà recitativa impareggiabile. Nascono così personaggi (il professore esperto in pernacchie di L’oro di Napoli, il malinconico Pulcinella di Ferdinando I re di Napoli, il principe decaduto di Fantasmi a Roma, il padre egoista di Sordi di Tutti a casa) che sembrano farsi carico di una saggezza dignitosa in contrasto con la mediocrità della società, in cui però le tentazioni filosofiche sono corrette da un’ironia atavica: in questo senso il suo più felice contributo cinematografico ci sembra quello di Napoletani a Milano, che mette in scena il contrasto Nord-Sud con un umorismo che fa polpette di ogni luogo comune.     

FILMOGRAFIA (attore)

1932 Tre uomini in frack

1934 Il cappello a tre punte

1935 Quei due

1937 Sono stato io!

1938 L’amore mio non muore…

1939 Il marchese di Ruvolito; In campagna è caduta una stella

1940 Il sogno di tutti

1941 Non ti pago!

1942 A che servono questi quattrini?; Casanova farebbe così

1943 Non mi muovo!; Il fidanzato di mia moglie; Ti conosco, mascherina!

1946 Uno tra la folla

1948 Campane a martello

1950 Napoli milionaria

1951 Filumena Marturano; Cameriera bella presenza offresi…; Le ragazze di Piazza di Spagna

1952 Marito e moglie; I sette peccati capitali (ep. Avarizia e ira); Ragazze da marito; Cinque poveri in automobile

1953 Napoletani a Milano; Villa Borghese (ep. Il paraninfo)

1954 Tempi nostri (ep. Don Corradino); L’oro di Napoli (ep. Il professore)

1955 Cortile

1957 L’amore più bello

1959 Sogno di una notte di mezza sbornia; Ferdinando I, re di Napoli

1960 Fantasmi a Roma; Tutti a casa

1963 Il giorno più corto

1966 Spara forte, più forte…non capisco

FILMOGRAFIA (regia e sceneggiatura)

1939 In campagna è caduta una stella

1943 Ti conosco, mascherina!

1950 Napoli milionaria

1951 Filumena Marturano

1952 Marito e moglie; Ragazze da marito; I sette peccati capitali (ep. Avarizia e ira)

1953 Napoletani a Milano

1954 Questi fantasmi

1959 Sogno di una notte di mezza sbornia

1965 Oggi, domani, dopodomani (ep. L’ora di punta)

1966 Spara forte, più forte…non capisco

FILMOGRAFIA (solo sceneggiatore)

1935 Quei due

1938 L’amore mio non muore

1939 Il marchese di Ruvolito

1942 Non ti pago!

1943 Non mi muovo!

1948 La macchina ammazzacattivi

1951 Porca miseria!

1954 Tempi nostri (ep. Don Corradino); Pane, amore e gelosia

1963 Ieri, oggi e domani (ep. Adelina); Matrimonio all’italiana

 

 

 (Andrea Pergolari)

 

 

Ti è piaciuta questa scheda? Acquista on line il "Dizionario dei protagonisti del cinema comico e della commedia italiana"!!! e comunque, consulta le altre schede!!!


  torna all'home page