SORDI ALBERTO (Roma, 15.6.1920 – Roma, 25.2.2003)

(attore, regista, sceneggiatore)

E’ stato probabilmente il più grande attore italiano del Novecento, ma è il peggior nemico di se stesso. Vittima della propria megalomania è affondato, infatti, negli ultimi vent’anni in un’apologia della grettezza piccolo borghese che ha toccato punte estreme di tartufesca ipocrisia (Il tassinaro) o, peggio ancora, di incosciente buona fede (Io so che tu sai che io so), senza sprezzo del ridicolo. Non si può non tener conto, perciò, negli entusiastici giudizi sulla sua statura d’attore, della mediocrità (anche artistica) del regista: dei quattro colonnelli della commedia all’italiana è quello che ha più pagato il passaggio alla regia. Peccato. Perché è stato “la” commedia all’italiana. Impossibile paragonarlo a Totò: non è un comico, non ne ha nemmeno il fisico. E’ un osservatore attentissimo della realtà che rappresenta con una capacità satirica illimitata, con una deformazione che sa essere grottescamente espressiva (merito anche di una spiccata inflessione romanesca). Ha iniziato con le macchiette radiofoniche (Mario Pio), ha proseguito con i primi esempi di satira di costume (Nando Moriconi) e infine è approdato alla galleria di ritratti mostruosi dell’italiano medio, programmatica già nei titoli: Il seduttore, Lo scapolo, Il marito, Il vedovo, Il moralista, Il vigile, Mafioso, Il maestro di Vigevano sono concetrazioni esemplari dei difetti piccolo e medio borghesi, ma anche l’evidente accentramento strutturale su un attore che si fa egli stesso racconto. Tutto è in funzione di Sordi, dei suoi lampi, dei suoi tempi, anche dei suoi manierismi. La novità della sua arte è la forza, l’aggressività con cui impone i suoi personaggi vili, meschini, infingardi, voltagabbana, opportunisti; nella precisa deformazione di linguaggi, atteggiamenti e modi; talmente nera è la sua causticità da essere inizialmente difficilmente accettabile dal pubblico. Soltanto negli anni ’60 smorzerà certi vezzi farseschi (che sono però la forza di film come Piccola posta, Mio figlio Nerone, Ladro lui, ladra lei) come lo sgranar d’occhi, il morsicar le labbra, il fremito delle narici, la leziosità della voce, accogliendo nella sua recitazione anche la tonalità di un’amarezza e di una disperazione che sono di un’intera nazione. Ha poi creduto di poter essere la pietra di paragone della storia del costume italiano e lo ha fatto con strumenti (artisticamente ed eticamente) inadeguati (ricordiamo il montaggio televisivo Storia di un’italiano). Rimangono però pietre miliari come Un americano a Roma, La grande guerra, Tutti a casa, Una vita difficile, Guglielmo il dentone, Il medico della mutua, Detenuto in attesa di giudizio, Un borghese piccolo piccolo e la collaborazione sempre efficace con Steno, Monicelli, Zampa, Loy, D’Amico.         

FILMOGRAFIA (attore)

1937 Il feroce Saladino

1938 La principessa Tarakanova

1941 Le signorine della villa accanto; La signorina

1942 Casanova farebbe così

1943 Chi l’ha visto?; Tre ragazze cercano marito

1944 Circo equestre Za-Bum (ep. Galop finale al circo)

1945 L’innocente Casimiro; Le miserie del signor Travet

1947 Il vento m’ha cantato una canzone; Che tempi!

1948 Sotto il sole di Roma

1950 E’ arrivato l’accordatore

1951 Mamma mia, che impressione!; Totò e i re di Roma

1952 Lo sceicco bianco; Tripoli, bel suol d’amore

1953 I vitelloni; Canzoni, canzoni, canzoni (ep. Io cerco la Titina); Via Padova 46; Ci troviamo in galleria; Un giorno in pretura; Due notti con Cleopatra; Il matrimonio; Amori di mezzo secolo (ep. Dopoguerra 1920); Gran varietà (ep. Fregoli)

1954 Tempi nostri (ep. Scusi, ma…); L’allegro squadrone; Il seduttore; Un americano a Roma; Una parigina a Roma; Accadde al commissariato; L’arte di arrangiarsi

1955 Buonanotte…avvocato!; Un eroe dei nostri tempi; Il segno di Venere; Accadde al penitenziario; Bravissimo; I pappagalli; Piccola posta; La bella di Roma; I pinguini ci guardano

1956 Lo scapolo; Guardia, guardia scelta, brigadiere e maresciallo; Mi permette, babbo!; Arrivano i dollari; Souvenir d’Italie; Mio figlio Nerone

1957 Era di venerdì 17; Il medico e lo stregone; Il conte Max; Il marito

1958 Ladro lui, ladra lei; Domenica è sempre domenica; Venezia, la luna e tu; Racconti d’estate

1959 Policarpo ufficiale di scrittura; Vacanze d’inverno; Il moralista; Costa Azzurra; Brevi amori a Palma di Maiorca; I magliari; Gastone; La grande guerra; Il vedovo

1960 Il vigile; Tutti a casa; Crimen

1961 Il giudizio universale; Una vita difficile; I due nemici; Il diavolo

1962 Il commissario; Mafioso

1963 Il maestro di Vigevano; Il boom

1964 La mia signora; Il disco volante; I tre volti (ep. Latin lover)

1965 Thrilling (ep. L’autostrada del sole); I complessi (ep. Guglielmo il dentone); Made in Italy

1966 Le fate (ep. Fata Marta); I nostri mariti (ep. Il marito di Roberta); Fumo di londra; Scusi, lei è favorevole o contrario?

1967 Le streghe (ep. Senso civico); Un italiano in America

1968 Il medico della mutua; Riusciranno i nostri eroi a ritrovare il loro amico misteriosamente scomparso in Africa?; Amore mio aiutami

1969 Nell’anno del signore; Il Prof. Dott. Guido Tersilli primario della clinica Villa Celeste convenzionata con le mutue

1970 Contestazione generale (ep. Il prete); Il presidente del Borgorosso Football Club; Le coppie (ep. Il leone)

1971 Bello onesto emigrato Australia sposerebbe compaesana illibata; Detenuto in attesa di giudizio

1972 Lo scopone scientifico; La più bella serata della mia vita

1973 Anastasia mio fratello; Polvere di stelle

1974 Finché c’è guerra c’è speranza

1975 Di che segno sei? (ep. Fuoco); Un sorriso, uno schiaffo, un bacio in bocca

1976 Il comune senso del pudore; Quelle strane occasioni (ep. L’ascensore)

1977 Un borghese piccolo piccolo; I nuovi mostri (ep. First Aid, Come una regina, L’elogio funebre)

1978 L’ingorgo; Dove vai in vacanza? (ep. Le vacanze intelligenti)

1979 Il malato immaginario

1980 Io e Caterina

1981 Il marchese del Grillo

1982 Io so che tu sai che io so; In viaggio con papà

1983 Il tassinaro

1984 Tutti dentro; Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno

1985 Sono un fenomeno paranormale; Troppo forte

1987 Un tassinaro a New York

1988 Una botta di vita

1990 In nome del popolo sovrano; L’avaro

1991 Vacanze di Natale ‘91

1992 Assolto per aver commesso il fatto

1994 Nestore, l’ultima corsa

1995 Romanzo di un giovane povero

1998 Incontri proibiti

FILMOGRAFIA (regia)

1966 Fumo di Londra; Scusi, lei è favorevole o contrario?

1967 Un italiano in America

1968 Amore mio aiutami

1973 Polvere di stelle

1974 Finché c’è guerra c’è speranza

1976 Il comune senso del pudore

1978 Dove vai in vacanza? (ep. Le vacanze intelligenti)

1980 Io e Caterina

1982 In viaggio con papà; Io so che tu sai che io so

1983 Il tassinaro

1984 Tutti dentro

1987 Un tassinaro a New York

1992 Assolto per aver commesso il fatto

1994 Nestore l’ultima corsa

1998 Incontri proibiti

FILMOGRAFIA (sceneggiatore)

1951 Mamma mia, che impressione!

1953 Un giorno in pretura

1954 Un americano a Roma

1957 Il conte Max; Il marito

1958 Ladro lui, ladra lei; Racconti d’estate

1964 I tre volti (ep. Latin lover)

1965 I complessi (ep. Guglielmo il dentone)

1968 Il medico della mutua

1970 Il presidente del Borgorosso Football Club

1973 Anastasia mio fratello

1975 Di che segno sei? (ep. Fuoco)

1981 Il marchese del Grillo

1985 Sono un fenomeno paranormale; Troppo forte

1988 Una botta di vita

1990 L’avaro

 

 

 (Andrea Pergolari)

 

 

Ti è piaciuta questa scheda? Acquista on line il "Dizionario dei protagonisti del cinema comico e della commedia italiana"!!! e comunque, consulta le altre schede!!!


  torna all'home page